Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Melo - Il Soffio

Trasformare la Terra in un giardino. Nutrire corpo, mente e spirito di bellezza.


20 ml

Prezzo: € 18,00
Tutti i prezzi includono IVA


Update del 13 Novembre 2016. Questo oggetto, che si chiama Melo - Il Soffio, diffuso da Remedia Erbe, appare nella categoria Salute e benessere e più dettagliatamente nella sottocategoria Spirito degli Alberi. Il prodotto è "Non disponibile". Il costo di Euro 18,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti
L'esperto risponde

Vuoi ricevere maggiori informazioni su questo prodotto? Lascia una domanda al produttore.
E' un servizio gratuito per i clienti di Macrolibrarsi.

Fai una Domanda

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Melo

Trasformare la Terra in un giardino. Nutrire corpo, mente e spirito di bellezza.


Lo Spirito degli Alberi ha cercato un modo per raggiungerci come un respiro, il loro, grazie ad uno spray da liberare nell'ambiente intorno a noi. Un soffio da cui farci adottare, una brezza profumata ed eloquente che riporta tra le loro fronde, al loro canto, nella forza vitale di ciò che sono.

Una speciale combinazione di messaggi e delicati profumi che sussurrano le qualità di 5 alberi: TIGLIO, FAGGIO, QUERCIA, GINEPRO, MELO.

Come si usano:

Proponiamo un'assunzione di 5 gocce 2-3 volte al giorno direttamente in bocca, lontano dai pasti. Momenti buoni sono la mattina a digiuno e la sera prima di coricarsi. In questo modo una boccetta dura da 4 a 6 settimane, tempo generalmente appropriato per ottenere risultati. Tuttavia se fosse necessario l'assunzione può essere protratta per un tempo molto più lungo.

L'assunzione di uno Spirito serve per entrare in contatto con il corrispondente albero, per questo motivo a nostro avviso non ha molto senso assumere gli Spiriti in miscela o contemporaneamente. A chi sente la necessità di assumere più di uno Spirito nello stesso periodo consigliamo di prendere un giorno l'uno e un giorno l'altro, oppure prendere in alternanza ognuno singolarmente per qualche giorno.

Naturalmente ciascuno può adottare altre modalità a seconda delle proprie impressioni, partendo dalla posologia sopraindicata. Particolarmente efficace si è rivelata l'assunzione quando si entra anche fisicamente in contatto con gli alberi. Lo Spirito degli Alberi si può assumere contemporaneamente a qualsiasi farmaco o rimedio naturale, preferibilmente in orari diversi.

Come si preparano:

Lo Spirito di ogni albero è composto da 5 diversi preparati, come descritto sotto. La preparazione è semplice, ma abbastanza impegnativa poichè ci vuole un anno intero: indicativamente si preparano in primavera le gemme, in estate i fiori, in autunno i semi e in inverno la corteccia e l'essenza lunare. Quindi si mescolano i cinque estratti in parti uguali e si diluiscono nel rapporto di 1:240 in una miscela di acqua e alcol puro per ottenere le gocce dello Spirito dell'Albero pronte all'assunzione. 

Elemento Terra: Corteccia

Avremmo potuto usare le radici dell'albero, sede della vita nella terra della pianta, ma ci è sembrata una intrusione invasiva e poco rispettosa per il “donatore”. Abbiamo così individuato nella corteccia, parte di quella “evaginazione della terra” che l'albero è, una componente ricca di minerali, di tannini, delle sostanze fredde e ferme dei nostri alberi. Raccogliamo la parte esterna, grattugiandola con cura dai tronchi o raccogliendone scaglie, così com'è, densa di storia e con addosso segni di vita come muschi e licheni.

La corteccia va poi bollita, in buona acqua, in una lenta e prolungata decozione che riporti all'acqua gli umori di un tempo. Decozioni di ore che portano all'aria ritmi di stagioni e sapore denso di vita. Un concentrato di tannini, sostanze coagulanti le proteine, di sali minerali ora divenuti solubili. Questa densa “terra nutriente” si filtra e poi va disciolta in pari quantità di miele (volume), mescolando bene il tutto.

Il miele rende un pò più "animalizzata" la terra-vegetale qual'è la corteccia che è quindi veicolata meglio verso il regno umano, cioè meglio assorbita e assimilata. Per garantire la conservabilità si aggiunge anche il 10% in volume di grappa e alcool. Il sapore di questo preparato riporta con forza al palato le qualità dell'albero. Sapori decisi del bosco, come se la Terra fuoriuscita dal suo stesso grembo fattosi albero tornasse di nuovo ad essere nutrimento prediletto del corpo. La preparazione rimane attiva nel tempo se ben conservata al buio e nel vetro.

Elemento Acqua: Gemme

La preparazione ottenuta dalle gemme degli alberi, segue la stessa prassi dei nostri gemmoderivati. La raccolta delle gemme va effettuata in ascolto, nel momento di massimo turgore lasciando che le gemme cadano direttamente nel contenitore di vetro. La miscela, o solvente, a cui chiediamo di interpretare il messaggio delle gemme e di portarlo a noi è una miscela di alcool e miele o glicerina vegetale.

Questi ultimi entrano in risonanza con tutta la forza del principio vitale racchiuso nel tessuto meristematico della gemma, con riferimento a sostanze ormonali, uterine, enzimi e altri principi.

Il rapporto fra alcool e miele, così come alcool e glicerina, è di 1:1 del peso. Se usiamo miele è bene mescolare bene e preparare il solvente un pò di tempo prima della raccolta per permettere ai due di sciogliersi l'uno nell'altro. Le gemme vanno fatte cadere direttamente nel vaso lasciato poi ai piedi di alcuni esemplari per impregnarsi di tutto il canto della linfa che fluisce verso l'alto. Non ci sono rapporti da eseguire in queste preparazioni, è l'occhio che dice quando può bastare. Le gemme possono anche essere lasciate intere, messe a macerare per una o più lunazioni.

Poi si filtrerà il tutto e si procederà ad imbottigliare in vetro scuro.

Elemento Aria: Fiori

I fiori ci donano il loro messaggio seguendo fedelmente le preziose indicazioni del padre della floriterapia E. Bach.

In questo modo, prepariamo tutti i nostri rimedi floreali. Andiamo a trovare gli alberi al mattino presto per chiedere loro di darci un pò di fiori. Seguiamo le originali indicazioni di E. Bach per la preparazione, essendo stato lui a trovare il modo più consono, nella semplicità, di racchiudere il messaggio del fiore degli alberi. Possiamo adottare, a seconda della specie, il metodo solare o di bollitura.

Anche il metodo di bollitura andrebbe eseguito preferibilmente in loco o all'aria aperta.

Elemento Fuoco: Semi

Il seme dell'albero gradisce l'alcool come solvente e prepariamo delle tinture di circa 50% Vol in cui i semi/frutti si mettono a macerare interi con tutti gli organi che gli sono propri. Per esempio la castagna nel suo riccio, il gheriglio di mandorlo nel suo nocciolo, il semino alato nella sua pigna.

La macerazione è bene che avvenga per un lungo tempo di 2 o 3 mesi, il tempo necessario affinché il solvente entri fino nella profondità dei tegumenti e qui possa informarsi portando via con sé principi di forma, sostanza e vibrazione.

Tutta questa coerenza che l'albero mette a disposizione nel seme è materiale di grande nutrimento anche per il corpo umano. In particolare per tutte le ghiandole endocrine, che sono semi sparsi nel nostro territorio corpo, anch'esse capaci di possedere i codici che permettono alla vita di manifestarsi e prendere essere. Queste sono epifisi, ipofisi, tiroide, timo, corticosurrenali, pancreas e gonadi. Saturno, Giove, Marte, Sole, Venere, Mercurio e Luna secondo la sequenza caldea, sono gli archetipi che le rappresentano nella volta celeste.

Elemento Etere: essenza lunare

Attraverso l'etere, la maestosa espressione dell'albero nelle notti di plenilunio si imprime nell'acqua pura, che poniamo in una ciotola ad assorbirne l'essenza, la vibrazione, il suono, l'idea. L'acqua che così ha raccolto l'"impronta" dell'albero, viene filtrata la mattina seguente e messa nelle speciali bottiglie blu, riempite per metà, protetta dalle alterazioni della luce. In un secondo momento aggiungiamo l'altra metà di alcool puro per la conservazione. Questa ultima preparazione è il catalizzatore delle estrazioni corteccia, gemma, fiore, frutto; il vuoto pieno attorno al quale i quattro elementi tessono la vita che si mostra e di cui facciamo esperienza.

La madre dello Spirito degli Alberi è composta in parti uguali da tutte queste parti. 


Differenze coi rimedi floreali:

Lo scopo dei rimedi floreali è aiutare a superare stati negativi emozionali e psichici e i disturbi fisici che ne derivano, rinforzando il contatto con il nostro sé superiore. I rimedi floreali sono assunti per aiutare persone o animali a fronte di comportamenti inopportuni, paure e altre emozioni limitanti nonché malattie che derivano da squilibri psichici ed emozionali.

Non a caso si parla di floriterapia: una terapia dolce, olistica, positiva. Assumere lo Spirito degli Alberi è invece come chiedere ad un albero di accompagnarci per un pò lungo la nostra strada, come compagno o maestro da cui possiamo imparare. Gli Spiriti non servono per correggere qualcosa, ma per acquisire e rinforzare qualità e caratteristiche, per risvegliare la consapevolezza individuale e collettiva, per ritrovare un contatto con la Natura e la nostra vera umanità.

 

Applicazioni corporee

Lo Spirito incontra il corpo tramite il massaggio In questi anni di incontri con gli alberi, sia nel nostro personale lavoro di ricerca che durante seminari e condivisioni di gruppo, abbiamo notato come un primo e importante contatto fra uomo e albero avvenga proprio attraverso il corpo. Questo docile e veritiero strumento di conoscenza ci conduce sinceramente a entrare in relazione con l’albero grazie a un catalizzatore potente quale è appunto il preparato lo Spirito degli Alberi.

Abbiamo così pensato di evocare, con l’aiuto del corpo, un incontro rituale con l’albero in un ambiente che non fosse il bosco o la foresta stessi, ma una condizione speciale che ci permettesse un profondo ascolto del nostro corpo che incontra l’albero. Uno dei rituali più potenti e alla portata di tutti, una condizione naturale in cui il corpo si fa strumento di ascolto profondo ed entra in relazione, è il massaggio. Il massaggio crea la condizione elettiva affinché ci si apra all’ascolto e attraverso la pelle avvenga una “assunzione” privilegiata di informazioni, nutrimenti, forme di bellezza e armonia, coinvolgendo tutti i corpi partendo da quello fisico, per sentire e incontrare mondi nuovi come quelli che gli alberi raccontano.

I preparati:

Lo Spirito dell’Albero si libera e si muove in preparati, movimenti e percezioni sensoriali che il corpo può ascoltare e assorbire come uno speciale nutrimento. Un modo affascinante e facilmente riconoscibile di portare attraverso il corpo l’incontro con l’albero.

L’albero si preannuncia attraverso un soffio, dove lo Spirito si unisce alla sua acqua d’essenza. Nel movimento prende forma sul corpo, si fa forte o leggero, impetuoso o delicato, andando a colloquiare con le zone con cui entra in risonanza nel contatto. Il corpo fisico dell’albero si adagia sul corpo fisico della persona, in punti energetici di riferimento che variano da albero ad albero, per sostare uniti in un ascolto profondo, in un rigenerare paesaggi interiori, in un sano nutrire che la pelle riconosce ed assorbe. C’è pure la possibilità di un vero e proprio bagno, dove oltre allo Spirito è evocato il canto dell’albero nello scorrere della sua linfa.

ProduttoreRemedia Erbe
TipoProdotto
Confezione20 ml
Lo trovi in#Spirito degli Alberi


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Articoli più venduti


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste