Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Ti Tengo d'Occhio

Io e il signor parkinson quattro anni dopo

Daniela Zampirollo



Prezzo: € 15,00


Aggiornato il 13 Novembre 2016 - Il testo, che ha come titolo Ti Tengo d'Occhio, di Daniela Zampirollo puoi trovarlo in Letture, in particolare approfondisce l'argomento Saggi e racconti. Redatto dalla casa editrice Apogeo Editore ed edito in data Settembre 2010 , è attualmente in "Non disponibile". Il prezzo è attualmente pari a € 15,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Il libro, composto da 136 pagine con numerose illustrazioni a colori, si avvale della prefazione del Prof. Gilberto Pizzolato dell'Università di Trieste, dell'introduzione del Prof.Giuseppe Pastega, mentre la parte conclusiva: "per saperne un po' di più su questa malattia" è curata dal Prof. Stefano Gustincich, della SISSA di Trieste, cui andrà devoluto il ricavato della vendita del volume.

Riportiamo l'introduzione del Prof. Pastega al libro:

Nelle prime pagine di questo nuovo lavoro Daniela afferma: "Non mi ritengo una scrittrice, ma piuttosto una persona che conosce bene il suo corpo fino a coglierne le sensazioni più nascoste e poi so darle alla gente così come sono, senza togliere e senza aggiungere nulla."

E' proprio così.

La malattia ha portato Daniela a un drammatico e coraggioso ascolto di se stessa, ad una analisi di ogni minima sensazione, di ogni più piccola percezione fsica e psichica di sé.

Ma questa incessante autoascultazione si traduce in bisogno di comunicare con gli  altri, di dire e testimoniare agli altri la sua vicenda.

Lo strumento che sceglie è ancora una volta la parola, semplice, diretta, ma estremamente effcace. Una parola che ti colpisce come un pugno nello stomaco, ti cattura e ti costringe a consentire con lei la lotta durissima, continua e ormai decennale contro il signor "P."

In questa lotta  le sue armi sono appunto le parole, come in "Era d'estate", di cui "Ti tengo d'occhio" solo a prima vista può apparire il seguito, poiché in realtà ci troviamo di fronte a un libro diverso nello stile e nel contenuto.

L'alternanza di prosa e poesia sembra la stessa, la parvenza di diario anche. Ma è cambiato l'atteggiamento, è cambiato il tono, con un andamento più dinamico in un continuo incontro-colloquio col lettore in cui sono presenti momenti di rifessione amara, di rassegnazione, di ribellione.

Fin da subito appare quasi uno sdoppiamento di personalità, che si esprime nella continua presenza della gioia di vivere in contrapposizione all'angoscia per il futuro, nel bianco e nero della giornata, nell'ottimismo e nel pessimismo.

Compaiono spesso in queste pagine due forme verbali: "voglio" come affermazione della propria personalità; "vorrei" come limite della propria fisicità recatale dal signor "P."
E' una continua duplicità, a volte in pagine contrapposte, quasi si esprimessero due Daniele: la vera Daniela, solare creatura, aperta alla vita, e il suo specchio, la Daniela che ha dentro il signor "P.", la Daniela che ha paure, esitazioni, sconforti.

Questa contraddizione in alcune pagine di prosa e poesia, vere e struggenti, rappresenta appunto quella auscultazione di sé di cui si è detto. Daniela scende nel suo più profondo io, alla ricerca dei momenti che più hanno lasciato una traccia dentro di lei, e li porta alla luce con estrema semplicità e verità, quasi con disarmante  candore, anche quando prevale l'ombra oscura, il negativo, la notte dei pensieri.

Mai critica inconsapevole, poiché nella sua scrittura, pur di fronte alla malattia, è presentela coscienza  pronta e vigile, sempre combattiva.

L'andamento per contrari spesso presente nella narrazione con l'alternanza, come si è detto, di momenti di felicità pura e altri di profondo dolore, è percettibile dal lettore.

Basti pensare a "Non si può vivere" una delle poesie più rappresentative: il signor "P" ha attaccato il fisico, ma ora subdolamente sembra attaccare anche la psiche. Ma Daniela lotta ancor di più con la strenua resistenza di chi non vuole assolutamente cedere. Questa volontà di "donna coraggio" è esplicitata nella annotazione conclusiva dell'11 luglio 2009, che intitolerei "l'elogio della parola".

Per Daniela la "parola" è lo strumento di autoanalisi, di espressione di sé, del proprio vissuto, del proprio intimo, del positivo e del negativo che sta vivendo, ma è anche lo strumento di comunicazione e di sintonia con il mondo, è abbraccio fraterno con gli altri, condivisione dei propri pensieri, strumento contro il signor P., ultima e unica arma di affermazione di sé, messaggio lanciato agli altri per aiutarli a vivere: "allora vorrà dire che ho vinto io"!

Giuseppe Pastega

EditoreApogeo Editore
Data pubblicazioneSettembre 2010
FormatoLibro - Pag 135 - 22,5x22,5
Lo trovi in#Malattie sistemiche e croniche #Saggi e racconti

Insegnante della provincia di Rovigo, si dedica alla poesia, trasmettendo una profonda sensibilità e prediligendo temi autobiografici ed intimistici. Ha pubblicato i volumi E io... come loro e... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste