Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Sfera di Cristallo

Diametro cm 8



Prezzo: € 39,32
Tutti i prezzi includono IVA
Formati alternativi
Formato Prezzo


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 29 ore 49 minuti.
    Consegna stimata: Martedì 6 Dicembre
  • Guadagna punti +79

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Un oggetto prezioso, elegante, pieno di suggestione e mistero,

rivolto alla divinazione professionale.

E' la Sfera di Cristallo dedicata ai cartomanti.

EditoreLo Scarabeo Edizioni
Data pubblicazioneMarzo 2016
FormatoLibro
AllegatoOpuscolo in diverse lingue anche in italiano
Lo trovi in#Sfera per leggere il futuro

Storia della Cristallomanzia

L' arte della Cristallomanzia è praticata dai tempi più remoti ed è comune a molte civiltà.

Alle origini, tuttavia, questa forma di divinazione non usava le sfere o i cristalli.

Nell'antichità, infatti, le sacerdotesse si recavano alle fonti e, osservando le forme che assumeva l'acqua sorgiva, consultavano l'oracolo ricavandone responsi.

Una testimonianza importante si trova nel Vecchio Testamento (I Samuele, 28, 1-25) in cui la maga di Endor evoca per il re Saul lo spirito del profeta Samuele, avvalendosi di una coppa d'argento colma d'acqua.

Per la divinazione era possibile usare anche specchi magici e altre superfici, purché in qualche modo riflettenti. Nella tradizione, ad esempio, è famoso lo specchio di re Salomone, il quale era composto da sette metalli differenti.

Soltanto dal Medio Evo si ha notizia di sfere di cristallo vere e proprie e di come farne uso per comunicare con il soprannaturale e il divino.

La sfera, infatti, era considerata dalla filosofia medievale la forma perfetta, perfettamente simmetrica e, come il cerchio, priva di inizio e di fine. Era anche il simbolo del cielo, di tutto ciò che è spirituale e della completezza del cosmo.

Come si utilizza la sfera magica

La Cristallomanzia è l'arte divinatori; capace di risvegliare la percezione spirituale del veggente, sviluppandone gradualmente le facoltà, grazia alla pratica e all'esperienza.

Ogni uomo possiede un talento più o meno grande per la chiaroveggenza, ma è importante svilupparlo nella ricerca del bene e per propositi positivi e altruistici. In questo modo il talento rimarrà puro, si svilupperà maggiormente e permetterà di ottenere grandi benefici per sé e per il prossimo.

I rituali per praticare la Cristallomanzia che provengono dalla tradizione medievale sono molto lungi e complessi.

I veggenti moderni preferiscono affidarsi alla propria intuizione e sensibilità psichica elaborando dei più semplici rituali personali secondo la propria cultura, filosofia di vita o credo religioso.

In ogni caso, il veggente che vuole ottenere dei buoni risultati deve aver fiducia nella propria capacità, nell'arte divinatoria e nel fatto che i propri propositi sono positivi e non meschini.

La sfera di cristallo deve appartenere ad una sola persona e non dovrebbe essere toccata né usata da altri.

Prima di essere usata dovrà venire personalizzata tramite tre operazioni indispensabili per rendere la sfera assolutamente in sintonia con le vibrazioni dello spirito e del corpo del veggente: la purificazione, la magnetizzazione e la consacrazione.

Purificazione e magnetizzazione dovranno avvenire prima di ogni seduta, mentre la consacrazione verrà fatta solo la prima volta e varrà per sempre.

Si suggerisce di procedere con la prima seduta la sera o la notte di un mercoledì ci luna nuova.

Prima di procedere, tuttavia, sarà necessario destinare un luogo fìsso dove si opererà la divinazione.

Il luogo dovrà essere fiocamente illuminato e deve essere possibile operare senza che nessuna luce (quella del sole, quella elettrica o anche solo quella di una candela) colpisca direttamente il cristallo.

Deve essere inoltre preparato un panno, preferibilmente viola, per coprire il tavolo dove verrà poggiata la sfera e per coprire la sfera stessa quando viene riposta.

La purificazione avviene lavando semplicemente la sfera con l'alcol, asciugandola quindi con un panno bianco morbido, che deve essere usato solo per questa funzione.

Prima di fare questo il veggente deve aver cura di lavarsi le mani e di purificare l'ambiente accendendo una candela bianca o bruciando dell'incenso.

La purificazione deve avvenire prima e dopo ogni seduta di chiaroveggenza.

Per procedere alla magnetizzazione il veggente si metterà seduto con la schiena eretta, respirando profondamente e tenendo le mani in grembo e gli occhi chiusi.

Così facendo dovrà liberare la propria mente, fino a raggiungere uno stato di pace e di equilibrio interiore.

Dopo l'adeguata meditazione, quando si sentirà pervaso dalla calma e dalla serenità, aprendo gli occhi e fissando intensamente il centro della sfera, la circonderà con le mani senza sfiorarla invocando col pensiero i quattro elementi del cosmo: Acqua, Fuoco, Aria e Terra.

La prima volta che il veggente utilizzerà la sfera, dovrà anche consacrarla a sé, pronunciando una formula che dovrà mantenere segreta, in nome di uno spirito, di un angelo, di un elemento dell'universo o altro forza legata al divino secondo le sue credenze.

Questa formula è un atto simbolico per rappresentare il legame che si viene a instaurare tra il cristallo e il suo possessore.

Terminata la seduta, il veggente, rivolgendosi nuovamente agli elementi invocati durante la magnetizzazione, prenderà congedo manifestando la propria gratitudine.

Dopo aver eseguito la magnetizzazione il veggente potrà porre alla sfera quesiti per sé o per un eventuale consultante.

Fatto questo si concentrerà sul centro della sfera, isolando ogni altra sensazione esterna, fino a che non vedrà apparire dentro di essa delle forme delle immagini, dei colori o dei numeri.

Queste immagini possono essere nitide e stabili, oppure possono apparire indistinte e scomparire non appena il veggente cerca di metterle a fuoco.

Il talento psichico di una persona cresce con la pratica, per cui un veggente principiante vedrà più spesso immagini indistinte, mentre un veggente esperto o di grande talento sarà in grado di fissare immagini straordinariamente chiare.

Dopo che è apparsa un'immagine, o una sequenza di immagini, la sfera tornerà limpida.

Il veggente potrà allora distogliere lo sguardo e terminare la seduta.

Si consiglia di tenere a portata di mano un diario, dove annotare immediatamente dopo la seduta le immagini che si sono visualizzate e le sensazioni che hanno comunicato. Questo diario sarà molto utile sia per l'interpretazione delle immagini, sia per aiutare il veggente a sviluppare le proprie facoltà nel corso del tempo.

Prodotti correlati



nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste