Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Rivoluzione a Scuola - Libro

Come rendere felici e migliori insegnanti e allievi

Corrado Poli



Prezzo: € 13,00


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 23 ore 29 minuti.
    Consegna stimata: Martedì 6 Dicembre
  • Guadagna punti +26

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Modificato in data 18 Novembre 2016 - Il libro, dal nome Rivoluzione a Scuola - Libro, di Corrado Poli, è disponibile nella categoria Attualità e temi sociali e approfondisce l'argomento Critica sociale. Pubblicato da Infinito Edizioni e edito nel mese di Settembre 2013 nei nostri magazzini è in "Disponibilità: Immediata". Il prezzo è pari a Euro 13,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Trent'anni d'insegnamento e di studio lontano dall'Italia e lo choc del ritorno su una cattedra nel nostro Paese sono all'origine di questo libro rivoluzionario, scritto come un'inchiesta giornalistica brillante e a tratti umoristica.

Forte della sua esperienza internazionale, l'autore spiega come potrebbe – e dovrebbe! – essere la scuola italiana se liberata da schemi rigidi, anche sindacali, e pregiudizi che ne impediscono ogni cambiamento.

Poli passa sotto la lente del microscopio l'architettura degli edifici scolastici, la posizione geografica delle scuole sul territorio, l'ambiente, il comportamento di dirigenti, insegnanti, genitori e studenti, e lancia precise sfide per il futuro.

Una nuova didattica e un rapporto inedito tra la scuola, gli insegnanti, gli studenti, il territorio, i sindacati e la politica è possibile.

Qui, in modo divertente e approfondito, spieghiamo come.

"Rivoluzione a scuola" colma una lacuna della pubblicistica sulla scuola.

Intervista

La scuola italiana?

Un organismo che non si rinnova e che, anche attraverso il primo sciopero dell'anno scolastico indetto per venerdì 18, mostra tutte le sue crisi e fragilità. Le mette in luce Corrado Poli che, dopo anni di esperienze come insegnante negli Stati Uniti, torna dietro le cattedre italiane. "Rivoluzione a scuola" è un testo ricco di suggerimenti su come rivoluzionare la scuola sotto molteplici aspetti: non solo i programmi e gli orari delle lezioni, ma anche l'architettura degli edifici e l'ambiente circostante.

Gli esperimenti fatti in classe e le problematiche vissute in prima persona portano l'autore a sottolineare quali aspetti siano negativi nel rapporto con gli studenti. Gli insegnanti, inoltre, non sono più un'élite culturale a sé stante, ma devono reinventarsi sul nuovo contesto storico e sociale attuale, di cui fanno parte genitori e talvolta anche alunni già molto informati. Poli critica negativamente l'eccessiva attenzione sul "cosa" si debba insegnare, mentre pone l'accento su altri elementi più importanti: "come" si debba svolgere questa professione, e "chi" rappresenti il docente oggi: non un freddo e impersonale "strumento audiovisivo", ma una persona felicemente conscia della propria importante vocazione.

Corrado, nel libro lei racconta del suo ritorno nel mondo della scuola a distanza di trent'anni. Quali sono state le sue prime impressioni rispetto all'ambiente che aveva lasciato?

Nulla mi sembrava cambiato! In gran parte eravamo persino gli stessi, solo più vecchi.

In che modo anche un edificio può condizionare l'educazione degli studenti?

Sono convinto che il rapporto tra scuola e territorio, tra scuola e ambiente sia una tematica molto importante e che seguo da sempre. Il luogo in cui si svolge il processo formativo esercita una funzione simbolica cruciale, anche dal punto di vista reale: il modo di stare in classe, di muoversi negli ambienti e utilizzare gli spazi influenza il rapporto tra cittadino e comunità.

Se l'andare a scuola significa passare dalla libertà e dal benessere alla costrizione e alla povertà, l'idea che i giovani si fanno della società non è certo edificante. Molte scuole sono fatiscenti e sono edifici dall'aspetto povero e triste.

Come si può pensare che ci si vada volentieri? O forse l'obiettivo è insegnare ai giovani che studiare (e vivere) è una sofferenza?

È un'utopia pensare che gli insegnanti siano felici della loro professione in modo da trasmettere agli studenti la loro passione?

Anzitutto, quella che lei chiama utopia è comunque necessaria per favorire il cambiamento. Quanto alla felicità, in qualsiasi contesto, se si lavora con piacere e passione si rende di più. Questo è ancora più vero per un "non-lavoro" come quello dell'insegnare!

Un non lavoro?

Certo! Insegnare può e deve essere una professione o una passione, persino un istinto innato! Se si tratta l'educazione dei giovani come un lavoro passivo si sbaglia in partenza. Non dobbiamo preoccuparci della produttività degli insegnanti, ma concentrarci sulla loro felicità, sulla loro disponibilità a trasmettere liberamente ciò che piace loro. Se trasmettono piacere e passione saranno anche efficaci nell'educare cittadini felici.

Chi è felice impara, crea, produce. Non è questo il compito della scuola?

EditoreInfinito Edizioni
Data pubblicazioneSettembre 2013
FormatoLibro - Pag 158 - 14,5x21,5
Lo trovi in#Guide per genitori ed educatori #Critica sociale
Corrado Poli

Corrado Poli, giornalista-opinionista, autore di vari saggi in italiano e in inglese sulle politiche urbane e ambientali. Tra questi, "Città Flessibili, una rivoluzione nel governo urbano", 2009;... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste