Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Reitia Dea dei Veneti

L'Iliade svelata

Piero Favero

Remainder


Prezzo di listino: € 10,00
Prezzo: € 7,00
Risparmi: € 3,00 (30 %)

45 visitatori hanno richiesto di essere avvisati

Prodotti simili

Modificato in data 28 Novembre 2016 - Il prodotto ha come titolo Reitia Dea dei Veneti, creato da Piero Favero, è disponibile nella categoria Letture, più dettagliatamente nella sottocategoria Saggi e racconti. Realizzato dalla casa editrice Leonardo Editrice in data Gennaio 2007 nei nostri magazzini è in "Fuori Catalogo". L’importo di vendita è di Euro 7,00.

45 visitatori hanno richiesto di essere avvisati

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

In Europa i vari popoli del passato avevano una divinità maschile a capo di tutte le altre. I Veneti no, hanno una donna al vertice. Il libro è uscito nel 2007, l’anno europeo delle pari opportunità, perciò è finalmente giunto il momento di parlare di Reitia.

Reitia è la divinità somma nella religione dei Veneti,
ciò significa che abbraccia tutta la natura

e che non esiste nulla al di fuori né al di sopra di lei.
Oltre il nome e la forma, oltre il tempo e lo spazio,

è l’Unica Forza che trae sostegno in se stessa
e dalla quale ogni altra è nata e ciclicamente ritorna.
Ha il dominio sul succedersi delle stagioni ed è chiamata
tessitrice, cioè colei che tesse la tela della vita.
E’ la Dea madre del parto; signora degli animali selvaggi,
dei boschi e delle acque.
Risanatrice e compassionevole,
la dea Reitia è una dea della scrittura e i suoi compagni
inseparabili sono il lupo mite, l’anatra e la chiave magica.

Questo testo tratta dei miti e delle leggende legate a Reitia e al culto veneto. Premesso che esistono due realtà: la “realtà dell’archeologia scientifica” nella quale gli studiosi credono solo a quello che vedono, e tuttavia sono sordi a delle voci che da millenni ripetono la stessa cosa: I Veneti vengono dalla Paflagonia… Sono le voci di Tito Livio, Strabone, Sofocle, Catone, Plinio, del geografo Scimno. Esiste dunque “l’altra realtà degli Autori classici” i quali però, vivendo nel passato, non possono vedere con i loro occhi le oggettive scoperte della scienza; si può dunque capire la difficoltà di comunicazione tra il mondo scientifico e quello letterario dei miti e delle leggende. L’archeologia afferma categoricamente che i Veneti sono un popolo “autoctono” e chiude in via definitiva l’argomento delle migrazioni venete dalla Paflagonia (Anatolia settentrionale) e da ogni altra sede europea.

Allora significa che i Veneti sono popolo perseguitato dalla coincidenze, perché in Europa ci sono ben sette popoli con un nome venetico: Veneti dell’Adriatico, Veneti di Paflagonia, Eneti della Macedonia, Reti della Retia, Vindelici della Retia secunda (Baviera), Veneti di Bretagna, Wendi del Baltico. Puro capriccio del caso quasi tutti hanno il culto del cavallo, sono navigatori e commercianti d’ambra. Nelle sedi venete, a differenza del resto d’Europa, c’è una divinità di tipo femminile al di sopra di tutti gli dei: nel Veneto c’è Reitia, lo stesso nella Retia e nella Retia secunda; nel Baltico, tra Germania e Polonia, le tribù Wendi hanno la somma dea Razivia. Infine Strabone conferma l’assorbimento del culto di Cibele in Paflagonia; ebbene Cibele era chiamata Rea e nella vicina isola di Samotracia c’era la dea Retia, compagna del dio nordico Apollo: da Retia a Reitia il passaggio è breve.

Il libro è sottotitolato Iliade svelata, perché?
Agamennone, colui che pose l’assedio a Troia, aveva un figlio di nome Pelope a memoria del nonno Pelope, che regnò in Paflagonia ed ebbe la reggia a Enete, sul Mar Nero. Esiste la leggenda, precedente l’Iliade, di una guerra tra il padre di Pelope e i Troiani. Questa volta la guerra non fu scatenata dal ratto della donna più bella del mondo, Elena, ma, visti i gusti un po’ particolari del padre di Pelope, dal ratto del più bello dei mortali, Ganimede. Ilo, fondatore di Troia e fratello di Ganimede, alquanto irritato scacciò Pelope e tutto il suo popolo dalle loro terre. Pelope si rifugiò nel Peloponneso e da lì proseguì verso l’Oceano occidentale… Suo figlio Atreo invece preferì fermarsi a Micene, dove fece fortuna e diede alla luce Agamennone.
Agamennone aveva anche una figlia di nome Elettra, che significa ambra. Esiodo, Erodoto e Apollonio Rodio dicono che gli Achei, il popolo di Agamennone, venivano dalla zona del fiume Eridano (il Po) da dove portavano l'ambra presa nel Baltico. Fatalità, il culto acheo dei roghi votivi e dei banchetti votivi è perfettamente identico a quello dei Veneti di Este. Del resto Omero nell’Iliade chiama Elleni, cioè Greci, solamente gli uomini di Achille e Achille notoriamente tradì Agamennone. Il vero protagonista dell’Iliade è invece Ulisse, l’iniziato ai misteri, solo lui supererà con ingegno i nodi enunciati dagli oracoli quali condizioni imprescindibili per la caduta della città: prima fra tutte il ritrovamento dell’osso di Pelope.

EditoreLeonardo Editrice
Data pubblicazioneGennaio 2007
FormatoLibro - Pag 76 - 17x24
Lo trovi in#Saggi e racconti


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste