Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Pasta al Sale

Colorati frutti e ortaggi, dolci animaletti e bamboline: una passione intramontabile per grandi e piccini.



Prezzo: € 7,90

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Aggiornato in data 02 Dicembre 2016 - Questo testo, intitolato Pasta al Sale, di , è disponibile nella categoria Fai da te, Hobby e Creatività e in particolare approfondisce il tema Hobby e creatività per adulti. Stampato dalla casa editrice Gribaudo Edizioni e pubblicato in data Luglio 2009 , è in stato di "Non disponibile". Il suo valore è di € 7,90.

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Un manuale che insegna a cimentarsi con la creazione di bamboline e animaletti, perfetti come bomboniere o idee regalo.

La pasta al sale è un ottimo materiale per iniziare a modellare, riesce ad accontentare un po’ tutti, non e' costosa e se ne possono sperimentare varie qualita': a seconda delle varianti dell’impasto può essere friabile od elastica, fine o grossolana, semilucida o gessosa. Non bisogna dimenticare inoltre che la sua ricetta classica, fatta con farina, sale, acqua e nient’altro, e' adattissima ai bambini, anche molto piccoli (la usano negli asili nido!!!).

Partiamo allora dalla ricetta classica: farina e sale in eguale misura (misurati in volume e non in peso) e acqua quanto basta. Magari all’inizio non esageriamo con le quantita', perche' l’impasto deve restare piuttosto duro e va impastato a lungo! Purtroppo non si puo' dare una misura per l’acqua perche' dipende dall’umidita' ambientale, dalla temperatura, dal tipo di farina e sale usati e persino dal calore delle vostre mani! Insomma, varia di volta in volta! Per questo e' consigliabile aggiungerla poco alla volta e non tanto fredda, purtroppo e' facilissimo esagerare!

Nota: la scelta della qualita' degli ingredienti e' determinante per il risultato: una farina troppo economica puo' non essere abbastanza legante o essere troppo “colorata", un sale di cattiva qualita' puo' sporcare l’impasto con le sue impurita' o pregiudicare la durata dell’ “opera d’arte". Farina e sale sono in ogni caso materiali molto economici, bisogna chiedersi se vale la pena di rovinare tutto per risparmiare poche lire….

Una volta presa la mano sull’impasto si puo' iniziare a sperimentare: farine di vario tipo (l’integrale da’ un aspetto molto “rustico”, la semola da’ un impasto giallo e compattissimo…), sale fino non macinato (l’impasto mostrera' dei cristalli lucenti, molto rustico se usato al naturale, molto raffinato se l’impasto e' colorato…) o polverizzato in vari gradi di finezza, fino a diventare impercettibile…

Se poi volete un impasto piu' plastico potete aggiungere della colla: vinilica per un effetto meno evidente, da parati per un intervento piu' drastico. Le proporzioni, come al solito, sono lasciate a voi, ma e' meglio non esagerare, specialmente con la colla da parati…

Adesso siete pronti per iniziare ad impastare: arrotolate le maniche e.. accendete la radio o mettete un po’ di buona musica, perche' l’operazione sara' lunga! In effetti basterebbero 5 minuti, ma tenete conto che piu' impastate piu' il risultato sara' uniforme e compatto.

Come si fa a capire se l’impastoe'abbastanza compatto? Molto dipende dal grado di finezza che volete raggiungere, tradizionalmente si dice che quando si puo' prendere tra pollice e indice un pizzico di pasta e questo rimane “in piedi" e' pronto.

A questo punto la tradizione dice anche di far riposare la pasta. Ho usato la pasta appena fatta e mi sembra che il risultato sia buono lo stesso, a rigor di logica lasciando riposare la pasta l’acqua penetra meglio nella farina e nel sale e probabilmente l’impasto sara' piu' uniforme e durevole…

Adesso siamo pronti per modellare! Potete usare di tutto: dalle vostre mani a qualsiasi cosa abbiate in casa: stecchini, cannucce, rotelle tagliapasta, bottoni, cappucci di biro e pennarello!…unica avvertenza: attenti ad usare strumenti di metallo: arrugginiranno inesorabilmente!

Anche per quanto riguarda la colorazione potete sbizzarrirvi: tempere, acrilici, acquarelli... i primi due potete anche unirli all’impasto, ottenendo una colorazione piu' compatta e con il vantaggio che, nel caso l’oggetto si sbeccasse, la parte danneggiata sara' colorata anche all’interno e la sbeccatura si notera' molto meno...

Le tempere daranno sempre un effetto piu' opaco degli acrilici, che se usati sulla superficie degli oggetti saranno lucidissimi, ma entrambi sono molto coprenti, al contrario degli acquarelli, velatissimi.

Un altro tipo di pigmento interessante sono i colori per alimenti uniti all’impasto: l’effetto e' leggermente traslucido e molto “caramella". Non si trovano tutti i colori, ma l’effetto è bello e sono  assolutamente innocui per i bambini.

Nota: anche qui non e' sempre il caso di cercare il risparmio, e' vero che i colori per uso scolastico costano sensibilmente meno, ma ho visto lavori bellissimi perdere il colore nel giro di qualche mese... vale la pena?

E adesso che i vostri lavori sono pronti? Bisogna farli asciugare! Normalmente li lascio asciugare all’aria, ho sentito dire che ad alcune persone questo crea degli inconvenienti (patine gessose in superficie), non mi è mai successo, non so dire se  dipenda dal sale usato o dal clima.

Se volete accelerare i tempi, o se l’umidita' ambientale è elevata, potete ricorrere al forno da cucina, ma attenzione a mantenere una temperatura bassissima! In ogni caso non fatevi illusioni: non e' un procedimento breve! Per oggetti grossi potete abbreviare i tempi, e renderli più leggeri, inserendo un anima in carta di alluminio o polistirolo, in ogni caso e' bene forarli nella parte non in vista, in modo da permettere alla pasta di asciugare anche all’interno:…un oggetto asciugato malamente durera'à pochissimo!

Un trucco che uso per accelerare l’asciugatura e' questo: appoggio l’oggetto su un piano forato come un setaccio o uno spargifiamma, in modo che l’aria circoli anche sotto.

A questo punto penso di avervi detto tutto: buon lavoro e fatemi sapere!

EditoreGribaudo Edizioni
Data pubblicazioneLuglio 2009
FormatoLibro - Pag 95 - 19,5x19,5 - cartonato
NoteIllustrato a Colori
Lo trovi in#Hobby e creatività per adulti

Prodotti correlati



nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste