Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00


La Danza della Luna - Chandra-natya

Nashyananda


(2 recensioni2 recensioni)


Prezzo: € 7,00


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 21 ore 3 minuti.
    Consegna stimata: Mercoledì 7 Dicembre
  • Guadagna punti +14

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Update del 10 Novembre 2016 - Il volume, denominato La Danza della Luna - Chandra-natya, ideato da Nashyananda puoi trovarlo in Tecniche e Discipline per il Corpo e in particolare tratta di Libri sullo Yoga. Editato dalla casa editrice Magnanelli e distribuito dal mese di Gennaio 2000 , attualmente è in "Disponibilità: Immediata". Il prezzo è Euro 7,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Chandra-nâtya, la "danza della luna", ci rende partecipi di quell'immensa forza creatrice che si può esprimere direttamente con la fluidità del movimento, con il ritmo interiore, senza la mediazione intellettiva: quella forza che si ricollega al movimento perpetuo, e che entra in risonanza con ogni cosa.

Qui, il suono si fa eco, le luci e le ombre si fanno immagini, il movimento si trasforma in nuove sensazioni. Ritroviamo così  il corpo originario, un corpo antico che sente il bisogno prorompente di "esprimersi".

Dall'introduzione......

Nulla è statico: le stelle e i pianeti, i loro movimenti armoniosi rappresentano le caratteristiche specifiche del macrocosmo. Qui prendiamo in considerazione alcuni aspetti caratteristici dell'essere umano in quanto microcosmo dinamico.

Il movimento ci rivela in maniera chiara come l'uomo, in ogni epoca e ogni cultura, abbia modi diversi di muoversi nello spazio.

Si può dire, quindi, che da come l'uomo si muove se ne può dedurre la provenienza e la cultura. Ma ce n'è uno che è comune a tutte le epoche e le culture: è il «movimento-carezza».

Gli antichi saggi dell'India, e ora anche la scienza moderna, sanno che tutto il creato e ciò che può essere oggetto d'esperienza consiste essenzialmente di vibrazioni. Differenti tipi di vibrazioni costituiscono differenti cose che vediamo, udiamo, gustiamo o percepiamo. Sappiamo che il calore è vibrazione, e così il pensiero, il sentimento ecc. La scienza moderna impiega vibrazioni per vedere cose a distanza o per scomporre gli atomi. Le vibrazioni creano energia: l'energia, quindi, è costituita da moti vibratori. Il movimento-carezza è costituito da moti vibratori di grande potere che si collegano con fonti di energia affini che sono ovunque intorno a noi e in noi.

Noi, generalmente, releghiamo la carezza soltanto alle mani, mentre essa è, in realtà, un vibrare ad un certo ritmo che coinvolge tutto il corpo e che si manifesta spontaneamente quando esiste la condizione idonea.

Quante volte, spero molte, la carezza della mamma da bambini, o della persona amata da adulti, ci ha donato maggiore vigore e fiducia? Questa fiducia, da bambini, ci fa diventare più sicuri ed allegri e da adulti ci dà un nuovo input per riprendere l'opera quotidiana con maggiore ardore. Che cosa succede? È come se quel modo di muovere le mani ci ricaricasse le batterie!

Il movimento-carezza è un atto d'amore. Ma allora se questo gesto così vitalizzante è un moto vibratorio, vuol dire che l'amore, quello gioioso, è a sua volta fondamentalmente un particolare moto vibratorio psicofisico?

Sì, l'esperienza ci dice proprio di sì. Si può dire, quindi, che l'amore, quello gioioso, dalle sempre nuove sfaccettature, è un certo vibrare da cui nascono sempre nuove e vitalizzanti forze.

Ora, chiediamoci: ma se il movimento-carezza di una sola mano riesce a rendere operante un invisibile laboratorio benefico dentro di noi, dove avviene un vero e proprio processo alchemico che noi chiamiamo amore, sarà possibile migliorare questo processo estendendolo a tutto il corpo? E chiediamoci ancora: il movimento-carezza può nascere da un atto di volontà? In altre parole, possiamo volontariamente autoprodurre tale processo benefico?

Le domande riguardo a questo argomento sono proprio tante, ma intanto cerchiamo di rispondere insieme a queste prime due. Alla prima domanda rispondo che gli esperimenti che conduco da anni con un gruppo di armoniologi provano che, oltre ad essere possibile, è anche facile estendere il movimento-carezza a tutto il corpo. Più avanti vedremo come.

Alla seconda domanda rispondo che tutti abbiamo sperimentato come il movimento-carezza nasce spontaneamente, quando una situazione affettuosa ci coinvolge, ma ciò può essere realizzato anche attraverso un atto di volontà, esattamente come avviene con la respirazione. Essa avviene spontaneamente fin dalla nascita, ma se la vogliamo ampliare, approfondire e gustare, lo possiamo fare tranquillamente con un consapevole atto di volontà senza, per questo, toglierle la bellezza della spontaneità, anzi, tenendone conto e favorendola. Chi pratica quotidianamente le tecniche di prânâyâma (tecniche di respirazione) ne è felicemente a conoscenza.

Grazie al movimento-carezza, esteso a tutto il corpo, il corpo stesso diviene come una grande mano che accarezza l'aria e le energie in cui si muove, e si lascia, contemporaneamente, accarezzare dall'aria che lo avvolge nel suo abbraccio.

In realtà, il movimento-carezza che, in epoche e culture diverse, è stato chiamato e interpretato in molti modi diversi, è stato sempre tenuto in gran considerazione. È soprattutto il pensiero orientale che vede l'Universo in un equilibrio dinamico, mantenuto dal ritmo della danza di Shiva. Questi, nella manifestazione più nota, è Natarâja, il «danzatore cosmico», dio della creazione e del mutamento.

Secondo la filosofia induista la vita umana è parte di un gran processo ritmico di creazione e di costanti mutamenti in cicli infiniti. Tale processo è rappresentato dal dio Shiva. Egli, oltre a simboleggiare la costante trasformazione e, nello stesso tempo, l'unione di tutti gli elementi, è considerato il dio che «gioca» a far evolvere l'Universo.

Naturalmente questo è il pensiero anche di molti occidentali, come ad esempio F. Capra, autore del libro Il Tao della Fisica in cui scrive:

Vidi gli atomi degli elementi e quelli del corpo partecipare a questa danza cosmica d'energia; percepii il ritmo e ne sentii la musica; e in quel momento seppi che cosa era la danza di Shiva, il Dio danzatore adorato dagli indù.

Così, sia nel pensiero orientale, sia in quello occidentale, il movimento-mutamento è percepito, visto e goduto come una danza gioiosa innovatrice dagli animi più sensibili, come nel caso di Platone che considerava la danza elegante e d'origine divina.

EditoreMagnanelli
Data pubblicazioneGennaio 2000
FormatoLibro - Pag 64 - 11,5x17
Ultima ristampaGiugno 2005
Lo trovi in#Libri sullo Yoga


voto medio su 2 recensioni

1
1
0
0
0

Recensione in evidenza


tatiana Acquisto verificato

l'ho comprato per fare un regalo...

l'ho comprato per fare un regalo e so che è stato apprezzato molto

Le 2 recensioni più recenti


icona

tatiana
Acquisto verificato

l'ho comprato per fare un regalo...

l'ho comprato per fare un regalo e so che è stato apprezzato molto

(0 )

icona

Anna Maria
Acquisto verificato

Una danza per la fluidità e...

Una danza per la fluidità e la connessione della propria Energia Femminile.Consiglio di sperimentarne gli effetti.

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste