Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

La Caverna

José Saramago


(2 recensioni2 recensioni)


Prezzo: € 12,00

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Update del 30 Novembre 2016 - Il libro, denominato La Caverna, il cui ideatore è José Saramago, ha come tema Letture e in particolare approfondisce l'argomento Romanzi. Dato alle stampe da Einaudi e distribuito in data Dicembre 2000 nei nostri magazzini è in "Fuori Catalogo". Il costo è Euro 12,00.

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

"LA CAVERNA" è l'ultima fatica di JOSÉ SARAMAGO, e costituisce l'atto conclusivo di una trilogia iniziata con "Cecità" e proseguita con "Tutti i nomi". È la storia di un vecchio vasaio, Cipriano Algor, che non riesce più a vendere i propri manufatti.

Il Centro, una città ipermoderna che assorbe tutte le offerte e le domande di lavoro, ha deciso che i piatti del vasaio sono obsoleti e non piacciono più al pubblico. Cipriano propone un nuovo prodotto e cerca di restare al passo con le nuove esigenze commerciali; infine è costretto ad abbandonare la casa e l'antico forno, costruito dal nonno, per rinchiudersi nel recinto asettico del Centro, insieme alla figlia Marta e al genero Marçal Gacho.

Questo sradicamento sembra una sconfitta per Cipriano, ma in realtà gli permette di scoprire il segreto più intimo e pericoloso del Centro.

Come in molti romanzi di Saramago, i protagonisti acquistano un'improvvisa consapevolezza della realtà, come una rivelazione che illumina la vita di nuovo senso.

La scoperta di Cipriano mostra non soltanto cosa è il Centro, ma cosa sono gli stessi individui che abitano quella metropoli insensata; come nel mito platonico della caverna, Cipriano vede la verità e la comunica agli altri, illuminandoli a sua volta. Dentro questa storia, che assume il significato di un itinerario di conoscenza e denuncia sociale, Saramago trova spazio per l'amore tra uomo e donna, uno dei temi che sa trattare con maggiore abilità.

Il protagonista è proprio il vecchio Cipriano, rimasto vedovo ma non insensibile alle grazie e alle sottili attenzioni di Isaura Estudiosa, vedova a sua volta e segretamente innamorata del vasaio. L'attrazione cresce poco a poco sino alla conclusione, con salti e improvvise illuminazioni sentimentali preparate e descritte con cura. Ma aldilà del rapporto fra Cipriano e Isaura, un amore senile che forse rivela spunti autobiografici, i quattro personaggi si intrattengono in interminabili dialoghi che talvolta risultano stucchevoli. Inoltre, fatta eccezione per Cipriano Algor, gli altri tre caratteri sono appena sbozzati, senza uno scavo nel profondo.

In generale, le speranze riposte nel nuovo romanzo del premio Nobel vengono in gran parte disattese; la scrittura non riesce mai ad assumere l'intensità visionaria che tutti abbiamo ammirato in "Memoriale dal convento" e ne "La zattera di pietra" (solo per citare due titoli). La trama è esilissima, forse nelle intenzioni di Saramago la pochezza della storia doveva essere riscattata dalla potenza della metafora letteraria, a metà fra Kafka, Orwell e Platone. Purtroppo così non è.

Il romanzo procede lentamente verso una chiusura che dovrebbe illuminarlo, ma la conclusione appare affrettata, un'invenzione estemporanea che non riesce ad essere abbastanza efficace.

Il richiamo platonico, pur se evocativo, viene giocato con eccessiva franchezza e risulta per questo scontato. Il messaggio che anima il romanzo, una critica radicale del capitalismo globalizzante che crea desideri e li distrugge tramite l'incessante produzione di merci di bisogni fittizi,viene trasmesso in maniera esplicita, facendo sfumare l'illusione letteraria di cui Saramago invece è maestro.

La denuncia del sistema, di questo Centro che assume le fattezze di un Grande Fratello orwelliano, è debole perchè gridata; inoltre "La Caverna" non possiede la disperata coerenza narrativa di 1984, non avvolge il lettore in quell'atmosfera di angoscia e irrimediabilità.

Lo stesso Centro, nel suo ruolo di istituzione totale,ha contorni sfumati, manca di verosimiglianza fantastica; il manicomio descritto in "Cecità" assolve in modo più credibile le stesse funzioni.

La parabola morale e politica disegnata da Saramago insomma è sin troppo chiara, forse qualche reticenza in più avrebbe giovato, il non dire, o meglio il semplice accennare, talvolta è più utile del dire. Si ricava dalla lettura una generale impressione di stanchezza, che non appartiene affatto alle prove migliori di Saramago; questa volta la sua prosa innovativa, fatta di lunghi periodi senza punti e di geniali eversionisintattiche, non è sorretta da intuizioni narrative altrettanto potenti.

In conclusione, "La caverna" resta un libro interessante per gli appassionati di Saramago e per chi intenda scriverne un profilo critico, ma di certo chiude la trilogia in tono minore.

EditoreEinaudi
Data pubblicazioneDicembre 2000
FormatoLibro - Pag 335 - 12x19,5
Ultima ristampaDicembre 2004
Lo trovi in#Romanzi
José Saramago

José de Sousa Saramago (Azinhaga, 16 novembre 1922) è uno scrittore, poeta e critico letterario portoghese, premio Nobel per la letteratura nel 1998. Il padre di Saramago, José de Sousa, era un... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


voto medio su 2 recensioni

0
1
0
1
0

Recensione in evidenza


Silvana

Lo scrittore Saramago

Lo scrittore Saramago, nobel per la letteratura, rivisita il mito della caverna Platonica e ne costruisce una storia preziosa e appassionante. Il centro del testo è una scrittura struggente, quasi angosciante, spingendo il lettore a partecipare alla vita dei eprsonaggi, a scegliere quali sono i vincitori, e quali i perdenti. Il mito della caverna io però l'avrei affiancato molto più volentieri al bellissimo "Cecità", poichè gli uomini credono di vedere la verità e di scorgere luce unicamente nelle loro ombre, quando fuori attende impaziente la dura realtà. Dello scrittore leggete anche "Il vangelo secondo Gesu Cristo", opera formidabile, forse la migliore di Saramago.

Le 2 recensioni più recenti


icona

Silvana

Lo scrittore Saramago

Lo scrittore Saramago, nobel per la letteratura, rivisita il mito della caverna Platonica e ne costruisce una storia preziosa e appassionante. Il centro del testo è una scrittura struggente, quasi angosciante, spingendo il lettore a partecipare alla vita dei eprsonaggi, a scegliere quali sono i vincitori, e quali i perdenti. Il mito della caverna io però l'avrei affiancato molto più volentieri al bellissimo "Cecità", poichè gli uomini credono di vedere la verità e di scorgere luce unicamente nelle loro ombre, quando fuori attende impaziente la dura realtà. Dello scrittore leggete anche "Il vangelo secondo Gesu Cristo", opera formidabile, forse la migliore di Saramago.

(0 )

icona

Marco

Un libro fortemente pretenzioso che rivela...

Un libro fortemente pretenzioso che rivela dietro lo stile impegnativo e un ritmo lento e noioso una trama profonda e poco sfruttata. Mancano risvolti significativi, tant'è vero che il ritmo proprio non coinvolge il lettore e ricade sulla linearità dei personaggi, a mio avviso poco caratterizzati, e sulla trama in generale che non si capisce bene dove voglia andare a finire!

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste