Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Il Pressappoco

Luciano De Crescenzo



Prezzo: € 9,50


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 5 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 5 giorni
  • Guadagna punti +19

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Aggiornato in data 14 Novembre 2016 - Questo prodotto, che è intitolato Il Pressappoco, dell'autore Luciano De Crescenzo, è stato inserito nella categoria Letture, approfondisce il tema Saggi e racconti. Stampato da Oscar Mondadori e venduto dal Aprile 2007 , in questo momento è in "Disponibilità: 5 giorni". L’importo è € 9,50.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

n uno stile semplice e fresco, Luciano De Crescenzo ne spiega i motivi nel suo saggio Il Pressappoco. Non è un elogio della superficialità, piuttosto un invito a fidarsi del dubbio preventivo, quello che sa che prima di emettere un giudizio bisognerebbe attendere.

“Il pressappoco è una filosofia di vita, un modo di essere, un punto di vista sul mondo” spiega l’autore. “Amare il pressappoco significa diffidare dei dogmi di ogni genere, provare a mettersi nei panni degli altri, cambiare opinione quando merita. Significa preferire la primavera all’estate, il caso al destino, l’ironia alla comicità”.

Oggi, però, il pressappoco è considerato un peccato da quasi tutti i popoli occidentali e in particolare dagli americani. Negli Stati Uniti un lavoro eseguito con una certa approssimazione viene giudicato al pari di un crimine. Eppure, chi ama il pressappoco è quasi sempre una brava persona, più disposta ad ascoltare che a parlare. In un momento in cui i fondamentalismi globali mettono a rischio tutte le certezze e ci si batte per affermare con violenza il proprio credo, il saggio di De Crescenzo è un invito alla riflessione sui principali nemici del pressappoco: i religiosi, i politici, gli innamorati e i tifosi di calcio.

Se oggi il mondo corre dei pericoli è solo per colpa dei religiosi. Un tempo c’erano le crociate, oggi basta pensare al conflitto tra israeliani e palestinesi. Si combatte in nome di Dio; tutti i popoli credono in Dio: a nessuno viene in mente, però, che se un Dio esiste è lo stesso sotto nomi differenti. L’assolutismo dei politici è semplice: a loro piace comandare, con o senza amici, possibilmente con un folto gruppo di nemici. Pur di poter gestire il potere sono disposti a scendere a qualsiasi bassezza, eliminando ogni idea diversa dalla loro. Paragonati ai politici, gli innamorati non raggiungono mai i loro livelli, anche se “spesso e volentieri finiscono col perdere il lume della ragione”. Si dice che l’amore renda ciechi, “a volte, però, diciamo la verità: rende anche stupidi”. E infine ci sono i tifosi: basta andare in un qualsiasi stadio di calcio durante un derby per rendersi conto di come sia fatto un tifoso. Basta pensare ai numerosi scontri, alle violenze. Ma, a volte, basta molto di meno.

“Il vero tifoso lo si riconosce da come legge il giornale” scrive l’autore. “Guarda solo gli articoli che parlano della sua squadra e ignora qualsiasi altra notizia, fosse anche quella della morte di un grande atleta appartenente a un’altra disciplina”.

Contro i pericoli dell’assolutismo De Crescenzo ci lascia un consiglio: “la storia del mondo altro non è che lo scontro continuo di una linea retta con una linea curva, la prima in quanto immagine di un assoluto e la seconda in quanto simbolo della flessibilità. La curva, però, proprio per la sua disponibilità a cambiare direzione, è la più adatta a venire incontro alle difficoltà esterne”.

Per dirla alla De Crescenzo, è “pressappoco” un bel libro, ricco di battute, ricordi e punti di vista. Divertente e impegantivo al tempo stesso, il saggio non offre risposte già confezionate al lettore, ma suscita la sua curiosità per portarlo a trovare da solo le vie di sopravvivenza nella società dell’eccesso. Adatto a chi vuole ridere e vivere senza troppi drammi, a chi sa che si può sempre cambiare idea senza rinunciare all’etica.

Perché questo, in fondo, è il regno del quasi.

"Amo gli uomini del pressappoco e odio, o per meglio dire non mi sono simpatici, quelli che hanno le certezze assolute. In pratica amo quelli che parlano, che ascoltano, che cambiano parere".

In un momento storico in cui i fondamentalismi tornano a insanguinare il mondo e vecchi e nuovi assolutismi offrono certezze in cambio di fedeltà cieca, il pressappoco è (o meglio "sembra") una medicina salutare di cui si sente sempre più il bisogno.

EditoreOscar Mondadori
Data pubblicazioneAprile 2007
FormatoLibro - Pag 145 - 12,5x19,5
Ultima ristampaSettembre 2008
Lo trovi in#Saggi e racconti
Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo (Napoli, 18 agosto 1928) è uno scrittore, regista, attore e conduttore televisivo italiano. Prima di dedicarsi alla narrativa e allo spettacolo ha svolto la professione di... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste