Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Ignoranti - Libro

Roberto Ippolito


(1 recensioni1 recensioni)


Prezzo: € 12,90


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 5 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 5 giorni
  • Guadagna punti +26

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Modificato in data 23 Novembre 2016 - Il volume, denominato Ignoranti - Libro, stilato da Roberto Ippolito che trovi nella categoria Attualità e temi sociali e approfondisce l'argomento Critica sociale. Redatto da Chiarelettere in data Febbraio 2013 , è attualmente in "Disponibilità: 5 giorni". Il prezzo attuale è di € 12,90.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Spesso esilarante per i casi raccontati, ma inquietante per lo scenario descritto, Ippolito svela quanto è somara l'Italia.

Con nomi e cognomi il libro fornisce un campionario incredibile di assurdità: il sottosegretario che accusa il ministro di essere un "asino bardato da generale", la conduttrice che inciampa sugli accenti, deputati che parlano in modo inverosimile.

Sorprendente? L'Italia è sempre in coda nelle classifiche per l'istruzione e la cultura. Lo confermano gli spropositi che si trovano nei temi della maturità, i pessimi risultati degli studenti nel confronto internazionale, gli errori nella formulazione delle domande ai concorsi: anche chi giudica sbaglia.

E l'economia arretra. Il contrario di quanto avvenne negli anni del boom, quando l'innalzamento culturale accompagnò il miracolo.

Oggi il 45,2 per cento ha al massimo la licenza media contro il 27,3 per cento dell'Europa. Solo due italiani su quattro sono diplomati contro tre inglesi su quattro. L'Italia è avara: in Europa è ventiduesima per la quota di spesa pubblica destinata all'istruzione in rapporto al Pil. E al peggio non c'è mai fine per l'onda lunga dei tagli dell'era Berlusconi, ma anche per la scarsa sensibilità del governo tecnico di Monti. Nemmeno i privati si salvano.

I confronti internazionali proposti ripetutamente nel libro certificano il disastro. Uno schiaffo per un paese come l'Italia, per secoli culla della cultura e dell'arte. Come si può tornare a crescere? Con l'istruzione e la cultura.

EditoreChiarelettere
Data pubblicazioneFebbraio 2013
FormatoLibro - Pag 170 - 14x20,5
Lo trovi in#Critica sociale
Roberto Ippolito

Roberto Ippolito (Napoli 1951) è un giornalista e scrittore italiano. Autore dei best seller Evasori e Il Bel Paese maltrattato. È organizzatore culturale. E' direttore scientifico di A tutto... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


voto medio su 1 recensioni

0
0
1
0
0

Recensione in evidenza


Cinzia Acquisto verificato

Comincio subito a contestare il primo...

Comincio subito a contestare il primo paragrafo in cui leggo che non ci sono stati investimenti nella scuola. Puntualizzerei invece che è stato tolto completamente il potere agli insegnanti che si vedono costretti a sopportare e promuovere dei gran somari onde evitare le rappresaglie dei genitori. Io stessa ho visto coi miei occhi ragazzini selvaggi che non ascoltano e passano il tempo a tirarsi sedie in testa. Gente con diplomi da disperazione tutti a loro svantaggio(vedasi l'esercito di benemeriti analfabeti che circola in Facebook)! Inoltre un tempo andavano benissimo libri vecchi e usati o comprati al libraccio. Cinghie elastiche per tenere i libri. Antiche lavagne, banchi e sedie. Ora tutto rigorosamente nuovo! La merenda si portava da casa e non si imprecava contro nessuno. Ci si mettevano i grembiuli per coprire anche le mutande firmate. Cominciamo a cambiare i cervelli e dare più autorità agli insegnanti che a volte saranno anche indisponenti ma almeno evitano generazioni di inetti.

Le 1 recensioni più recenti


icona

Cinzia
Acquisto verificato

Comincio subito a contestare il primo...

Comincio subito a contestare il primo paragrafo in cui leggo che non ci sono stati investimenti nella scuola. Puntualizzerei invece che è stato tolto completamente il potere agli insegnanti che si vedono costretti a sopportare e promuovere dei gran somari onde evitare le rappresaglie dei genitori. Io stessa ho visto coi miei occhi ragazzini selvaggi che non ascoltano e passano il tempo a tirarsi sedie in testa. Gente con diplomi da disperazione tutti a loro svantaggio(vedasi l'esercito di benemeriti analfabeti che circola in Facebook)! Inoltre un tempo andavano benissimo libri vecchi e usati o comprati al libraccio. Cinghie elastiche per tenere i libri. Antiche lavagne, banchi e sedie. Ora tutto rigorosamente nuovo! La merenda si portava da casa e non si imprecava contro nessuno. Ci si mettevano i grembiuli per coprire anche le mutande firmate. Cominciamo a cambiare i cervelli e dare più autorità agli insegnanti che a volte saranno anche indisponenti ma almeno evitano generazioni di inetti.

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste