Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Gli Ogam

Antico alfabeto dei Celti

Elena Percivaldi



Prezzo: € 15,00


Aggiornato in data 05 Dicembre 2016 - Questo libro, che si intitola Gli Ogam, redatto da Elena Percivaldi puoi trovarlo nella categoria Paganesimo e sciamanesimo e ha come oggetto Tradizioni Celtiche. Redatto dalla casa editrice Keltia Editrice e distribuito dal mese di Maggio 2007 , attualmente è in "Fuori Catalogo". L’importo di vendita è di Euro 15,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

"Non ritengono opportuno trascrivere i loro sacri precetti. Invece per gli altri affari sia pubblici sia privati fanno uso dell'Alfabeto Greco".Questo, secondo il resoconto di Cesare, il rapporto tra i Celti e la scrittura: praticamente inesistente.

I dati archeologici concordano con quanto detto dall'autore del De Bello Gallico, relativi alla Civiltà Celtica nella fase antica sono giunti fino a noi pochi documenti scritti, la maggior parte dei quali sono iscrizioni su pietra, metallo, ceramica e altro materiale d'uso quotidiano.

Nessun trattato religioso. Nessuna raccolta giuridica, nessuna opera letteraria o poetica. Nemmeno un manuale pratico. Perché?

L'Alfabeto Ogamico consta di venti lettere, ripartite in quattro gruppi di cinque segni ciascuno, i primi tre costituiti da consonanti e l'ultimo da vocali. Le lettere sono notate per mezzo di linee, incise in numero da uno a cinque, sullo spigolo di una pietra o a ridosso di una linea verticale: a destra, a sinistra, perpendicolarmente o obliquamente rispetto allo spigolo se consonanti, sotto forma di punto se vocali.

Nella tradizione manoscritta, tuttavia, le vocali sono notate come piccole croci che intersecano la linea di scrittura. A questi venti segni fu in seguito aggiunto, probabilmente in ambito monastico, un quinto gruppo di altri cinque segni, detti forfeda, che traslitteravano i dittonghi, ma ciò non rientra nello spirito originale dell'alfabeto: secondo alcuni furono introdotti in similitudine con l'Alfabeto Greco o Latino, secondo altri invece, per rappresentare nuovi suoni nati dall'evoluzione della Lingua Irlandese nei suoi stadi più tardi.

EditoreKeltia Editrice
Data pubblicazioneMaggio 2007
FormatoLibro - Pag 174 - 15x23
Lo trovi in#Tradizioni Celtiche
Elena Percivaldi

Elena Percivaldi è milanese, è storica e saggista. Cura mostre e partecipa a convegni e seminari di studio in Italia e all'estero. È coordinatore scientifico di manifestazioni... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste