Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Famiglie d'Altri Tempi - Vol. 3

Viaggio nel passato con le famiglie rurali

Mariano Berti



Prezzo: € 17,00


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 15 ore 31 minuti.
    Consegna stimata: Martedì 6 Dicembre
  • Guadagna punti +34

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Aggiornato il 24 Novembre 2016 - Il volume, che si intitola Famiglie d'Altri Tempi - Vol. 3, redatto da Mariano Berti, compare nella categoria Archeologia e Storia e si trova nella sottocategoria Storia contemporanea. Dato alle stampe dalla casa editrice Berti Mariano e stampato nel mese di Aprile 2007 nei nostri magazzini è in "Disponibilità: Immediata". Il prezzo è pari a Euro 17,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Mariano Berti, ama molto il territorio trevigiano e quindi cerca di ricostruirne la storia. Lo fa dal punto di vista del ripercorrere le vicende delle famiglie residenti sul territorio, spingendosi quanto più possibile in là nel tempo.

La fonte per eccellenza in questo tipo di ricerche è data dagli archivi parrocchiali, dal momento che per lungo tempo le parrocchie svolsero anche funzioni di stato civile e di anagrafe. Non a caso i primi dati documentali rilevati da Berti sono successivi al Concilio di Trento, concilio che impose ai parroci gli obblighi di residenza e di tenuta dei registri parrocchiali. A partire dal XVII secolo è dunque possibile allo studioso ricostruire le tappe fondamentali - la nascita, il battesimo, il matrimonio, la morte - della vita dei parrocchiani. Dati indubbiamente scarni, ma preziosi, specie se, come qualche volta capita, la solerzia del parroco abbia aggiunto qualche altra notizia, come per esempio la causa del decesso, molto importante per la definizione dello stato sociale del defunto e della sua famiglia.

Oltre il fatto meramente burocratico, il secolo XVII conosce anche il lento declino della proprietà nobiliare a favore della proprietà borghese. Ciò determina non pochi squilibri dell'assetto sociale.

La ricerca del Berti copre quindi un arco di secoli dal quale emergono, anche se esclusivamente dal punto di vista della composizione delle famiglie, alcuni dati strutturali utili a fungere da fondamento per altre, future ricerche storiche. Sono dati noti agli studiosi, ma la documentazione addotta dal Berti fornisce supporto alle tesi.

Il primo è un dato attinente alla demografìa quale risulta dal processo di incremento del numero dei figli accompagnato peraltro da un'elevata mortalità infantile. È però significativo e va dunque sottolineato, il numero delle morti prematuro delle madri di famiglia, spesso per parto, sicché le seconde nozze sono di gran lunga più frequenti per gli uomini che non per le donne. Il concetto di famiglia patriarcale trova, nel lavoro del Berti, la sua ragion d'essere piuttosto nelle ristrettezze economiche che non in particolari vincoli affettivi, com'è ormai convinzione della storiografia.

Il secondo dato strutturale è il riconoscimento dell'estrema miseria nella quale vivevano i contadini del luogo. Ciò era parzialmente dovuto a forme poco ortodosse di conduzione dei fondi o all'inerzia dei proprietari, ma essenzialmente erano dovute allo squilibrio tra il numero degli abitanti e la quantità di terra disponibile. È questo squilibrio a rendere pressoché obbligatorio l'estendersi di diverse pandemie, varie ma tutte collegate alle carenze igieniche e alla denutrizione.

Il terzo dato è la compatta presenza della struttura agricola, l'unica esistente in paese. Ciò spiega sia la presenza di malattie tipiche come la pellagra, sia la mancanza di alternative al lavoro agricolo. E' ovvio che questo dato di tipo sociale si collega direttamente all'aspetto demografico e giustifica ampiamente l'impossibilità di abbandonare il podere comunque lavorato e la famiglia d'origine, per quanto cattive fossero le condizioni e dell'uno e dell'altra.

L'alternativa, e questo è il quarto nodo strutturale, appare nel XIX secolo e si presenta con l'aspetto di una massiccia emigrazione verso l'estero, emigrazione alla quale accede un qualche membro di pressoché tutte le famiglie prese in esame. La cosa è nota; meno noto è - e qui il lavoro del Berti è veramente prezioso - che il fenomeno proseguì fino agli anni '60 del XX secolo avendo, nell'ultimo periodo, come mete privilegiate il Canada e l'Australia. L'emigrazione è sempre un fatto doloroso, certamente essendo stato maggiore in numero di quanti anche all'estero non fecero fortuna. Il loro sacrificio permise però una forte diminuzione della pressione demografica e costituì dunque il necessario prerequisito per l'avvio del processo di industrializzazione che ha trasformato l'economia e il volto medesimo di Paese.

Ernesto Brunetta

Storico

EditoreBerti Mariano
Data pubblicazioneAprile 2007
FormatoLibro - Pag 417 - 16,5x24
Lo trovi in#Storia contemporanea

Mariano Berti, è nato a Paese (Treviso - Italia). Scrittore   antroponimista, è corrispondente del settimanale della diocesi di Treviso "La Vita del Popolo" nonché autore di varie monografie... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste