Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Afriasia

Edoardo Agresti



Prezzo: € 44,00


Aggiornamento del 12 Novembre 2016 - Il testo, che ha come titolo Afriasia, il cui autore è Edoardo Agresti che trovi nella categoria Vacanze Alternative, approfondisce il tema Guide per Viaggiare. Redatto dalla casa editrice Polaris Edizioni in data Novembre 2007 nei nostri magazzini è in "Non disponibile". Il valore del libro è pari a € 44,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Sono ormai 20 anni che scatto ed è bello accorgersi come nel corso del tempo il mio modo di vedere e di “scrivere” il mondo sia cambiato, forse si è evoluto, fino a raggiungere una maturità che, credo come non mai, sia arrivata a un limite interessante in questi ultimi anni. Non a caso le immagini contenute sono il frutto di reportage di viaggi dal 2000 al 2007.
Come da sempre i miei scatti non sono fotografie di denuncia sociale o di guerra, non vogliono shockare violentemente né tantomeno essere dei saggi giornalistici; assolutamente non sono una cartolina stereotipata. Quello che mi interessa e che fa parte della mia continua ricerca, è la forza intrinseca, magari contraddittoria, che voglio emerga da ogni singolo scatto.

Almeno nelle mie intenzioni, la fotografia deve rivelare qualcosa. In alcune foto si legge la parte più intima, più nascosta della persona ritratta, come se la fotografia avesse estratto, scoperto e immortalato l’essenza stessa dell’Uomo (è curioso pensare come alcune tribù si rifiutino di essere fotografate per paura che gli venga rubata l’anima). In altre, invece, aleggia un patina misteriosa, una sorta di bruma mattutina che racchiude e ricopre come un velo protettivo, sentimenti ed emozioni troppo personali per essere condivisi e rivelati all’esterno.

Con il passare degli anni, forse con una certa maturità che solo l’esperienza ti può dare, e grazie sicuramente ai suggerimenti di Steve McCurry nel tempo che abbiamo trascorso insieme, mi sono accorto che niente nello scatto è lasciato al caso anche se è il caso a fare lo scatto. Da ogni singola foto pretendo un equilibrio cromatico al limite del maniacale; un controllo degli sfondi e della luce quasi si fosse in studio coadiuvati da potenti flash e fondali; un bilanciamento delle masse che può sembrare costruito. Invece è tutto naturale e assolutamente reale. Niente di creato né tantomeno elaborato o «tagliato» in post produzione.

Ogni momento è ripreso nell’attimo stesso in cui accade, nell’ambiente e con i giochi di luce ed ombre reali. Amo il colore nel giusto rapporto, talvolta leggermente accennato quasi desaturato; mi affascinano i chiaro-scuri delle prime luci dell’alba o dell’ultime ore del giorno. Se tutto questo non accade, se manca questa atmosfera quasi mistica, se la magica fusione della luce con il soggetto non dà equilibrio, rinuncio allo scatto. Sì, non mi interessa documentare.

Non ho scelto l’Africa e l’Asia - dalla cui contrazione nasce il titolo del libro - perché volevo fotografare i poveri o volevo mostrare la malattia, la sporcizia o il degrado, come normalmente si associa a queste parti del mondo. Certo viaggiando ci si imbatte nella disperazione e nella miseria, ma non era e non è quello il mio obbiettivo. Ho scelto questi due continenti perché mi piace conoscere ed esplorare mondi totalmente diversi da quello in cui vivo.

Civiltà e società, alcune volte povere e disperatamente tragiche, complicate e interessanti, ma nel contempo piene e vibranti di vita.

L'India, ad esempio, in tal senso è unica. Terzani la descrive in maniera sublime: «L’India è l’India. [...] Chi ama l’India lo sa: non si sa esattamente perché la si ama. E’ sporca, è povera, è infetta; a volte è ladra e bugiarda, spesso maleodorante, corrotta, impietosa e indifferente. Eppure, una volta incontrata non se ne può fare a meno. Si soffre a starne lontani.

Ma così è l’amore: istintivo, inspiegabile, disinteressato. [...] In India si pensano altri pensieri.» Questa è la fotografia che sento più vicina a me; questo è lo spirito con cui mi relaziono nello scattare; questo è quello che non mi fa mai annoiare quando fotografo; questo è perché la fotografia è diventata un insopprimibile bisogno, è diventata la mia vita; questo è il comun denominatore che dovrebbe emergere dalla seguente raccolta di immagini.

EditorePolaris Edizioni
Data pubblicazioneNovembre 2007
FormatoLibro - 33,5x22 - cartonato
NoteIllustrato con Bellissime Foto a Colori
Lo trovi in#Guide per Viaggiare

E’ un fotografo professionista da oltre 25 anni e ha avuto riconoscimenti a livello internazionale. Fa parte del team esclusivo di professionisti Nikon e collabora con la Nikon stessa nella... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste