Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Aforismi dello Yoga

(Yogasutra)

Patanjali


(3 recensioni3 recensioni)


Prezzo: € 13,50


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 1 ora 3 minuti.
    Consegna stimata: Martedì 6 Dicembre
  • Guadagna punti +27

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Aggiornamento del 05 Novembre 2016 - Questo testo ha come titolo Aforismi dello Yoga, fatto da Patanjali, compare nella categoria Tecniche e Discipline per il Corpo, nello specifico approfondisce il tema Libri sullo Yoga. Dato alle stampe dalla casa editrice Magnanelli e venduto dal Gennaio 1991 , attualmente è in "Disponibilità: Immediata". Il costo è € 13,50.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Dall'introduzione

Dall'epoca della sua prima comparsa su un sigillo valido nel III millennio a.C. fino ai giorni nostri, la figura ieratica dello yogin assiso nella postura del loto si è saldamente attestata nell'immaginario collettivo come uno dei più popolari stereotipi culturali dell'India.

Ciò che va sotto il nome di yoga è, in effetti, assai più che una particolare dottrina, una disposizione permanente e ubiquitaria, una sorta di linea di forza spirituale che attraversa da cima a fondo la civiltà indiana suscitandovi un complesso di teorie e pratiche differenti in ambiti diversi: esiste, accanto allo yoga «ortodosso» brahmanico, uno yoga buddhista o jaina; esistono, accanto allo yoga speculativo e filosofico, innumerevoli varietà di yoga popolare, magico, devozionale, mistico, esoterico.

Chi voglia cogliere l'unità profonda sottesa al polimorfismo superficiale del complesso, converrà tuttavia - com'è di regola in questi casi - che distolga a tutta prima lo sguardo dalle manifestazioni periferiche per appuntarlo su una forma «classica», se esiste, in cui rifulga pura e semplice l'intuizione fondamentale all'origine di tutti gli sviluppi. Lo Yoga di Patanjali, benché esso stesso erede di tradizioni dottrinarie e tecniche antecedenti, rappresenta questo punto di vista «classico», per il suo intento speculativo e sistematico che integra per la prima volta gli sparsi conati preesistenti in un progetto filosofico unitario.

Per intendere correttamente la specificità di questo progetto, è necessario tener presente che la «filosofia» indiana ha caratteri assai diversi dalla filosofia occidentale. In primo luogo, perché non è philo-sophia, amore della sapienza. Per noi occidentali - per noi greci - Amore stesso, anzi, è filosofo, perché sta a mezzo tra il sapiente e l'ignorante, e desidera la bellezza, la sapienza che presagisce e non possiede.

Questo demone nudo e ardito insaziabilmente predace dal Simposio platonico domina come un nume tutelare l'intera cultura occidentale. Anche l'India conosce qualcosa di simile al filosofo, ma ha nei suoi confronti un'attitudine assai diversa: «l'ignorante si contenta facilmente, il sapiente si contenta ancor più facilmente, ma l'uomo malamente abbruciato da tizzoni di sapienza neppure Brahmâ lo può soddisfare».

L'India non esalta l'amore per la sapienza, ma la sapienza: jnâna, la gnósis, non è la meta vagheggiata ma il sicuro possesso di tutte le grandi correnti del pensiero indiano - altrettante prospettive (darshana, «visioni») spalancate sull'unica realtà.

Questa positività nasce dal fatto che la filosofia indiana riconosce il suo fondamento nella sacralità della rivelazione (shruti, «audizione») del Veda. Verrebbe perciò la tentazione di accostarla a un'altra «filosofia», la filosofia del nostro medioevo: ma è un paragone claudicante, perché manca all'Induismo il concetto di ortodossia, così rilevante nelle religioni del Libro, e di conseguenza la filosofia indiana non conosce nessuna ancillarità alla maniera di Pier Damiani. La filosofia indiana non può essere ancilla theologiae, per il semplice fatto che in senso rigoroso non esiste alcuna teologia rivelata a carattere dogmatico.

E' la filosofia stessa che, innestandosi direttamente sul tronco della rivelazione, la interpreta e la illumina in un lucidissimo lavoro di approfondimento razionale.

 

EditoreMagnanelli
Data pubblicazioneGennaio 1991
FormatoLibro - Pag 183 - 13,5x19,5
Ultima ristampaSettembre 2006
Lo trovi in#Libri sullo Yoga

Patanjali è ritenuto il massimo studioso del Raja Yoga. Se l'Hatha Yoga può considerarsi una disciplina fisica, il Raja-Yoga è una disciplina mentale. La filosofia del Raja Yoga afferma che la... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


voto medio su 3 recensioni

3
0
0
0
0

Recensione in evidenza


SAMANTA Acquisto verificato

Testo veramente eccezzionale

Testo veramente eccezzionale

Le 3 recensioni più recenti


icona

SAMANTA
Acquisto verificato

Testo veramente eccezzionale

Testo veramente eccezzionale

(0 )

icona

Fabiola

Testo di notevole importanza in cui...

Testo di notevole importanza in cui vengono enunciati in modo chiaro e approfondito i suoi aforismi sempre Universali.

(0 )

icona

Fabiola

Testo di notevole raffinatezza per i...

Testo di notevole raffinatezza per i contenuti esposti e per la chiara e tradizionale esposizione dello Yoga classico.

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste