Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

eBook - Rasputin

La fine di un regime

J. W. Bienstock



Prezzo: € 4,99
Articolo non soggetto a sconti per volontà del produttore
Tutti i prezzi includono IVA
Formati alternativi
Formato Prezzo


Aggiungi ai preferiti

Aggiungi ai preferiti

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Mettiamo in testa a questo libro il nome di Rasputin, di questa figura fantastica, quasi leggendaria, perché nell'ultimo decennio del regime zarista, Rasputin è colui che ne personifica più intensamente la follia e la criminalità, e perché la data della sua morte coincide, a pochi giorni di differenza, con quella della fine di questo regime.

Il regno dell'ultimo dei Romanov, durato ventitré anni, è contrassegnato da una serie di atti che sembrano una sfida perpetua al popolo russo.

Tutto quanto il paese possedeva in fatto di capacità e di onestà, era scartato dal potere, e intorno al trono si spingeva una folla sempre più numerosa di arrivisti, di avventurieri, di prostitute, di ladri e truffatori d'ogni sorta e d'ogni classe, di taumaturghi e stregoni, folla variegata di esseri strani, senza legge e senza fede, che scavavano un abisso, sempre più profondo, fra l' imperatore e il suo popolo.

L'espressione che, meglio di ogni altra, caratterizza i rapporti che, fin dall' inizio di questo regno, si erano stabiliti fra la Corte e il popolo, è l'espressione che veniva correntemente usata nell'ambiente dell' imperatore: "Noi ed essi".

Noi, cioè la Corte e i suoi due puntelli: la burocrazia inetta e la polizia depravata.

Essi, cioè tutto il resto della Russia, l'immenso popolo di centosessantatre milioni di anime, nel quale si vedeva un nemico, momentaneamente soggiogato, ma che non bisognava mai dimenticare di trattare da nemico.

La figura più spiccata, più straordinaria, più drammatica di questa Corte, unica nella storia dei tempi moderni, era, come abbiamo detto, Rasputin.

Si è già molto scritto intorno a questo personaggio, troppo famoso; tuttavia non è stato ancora messo in luce né la sua biografia completa , né il carattere specifico e preciso della sua azione, né tutti i particolari della sua morte.

Oggi possediamo dei documenti che ci permettono di colmare in parte questa lacuna.

Abbiamo il giornale di una delle prime vittime di Rasputin, la moglie del generale Loktin che seguiva passo per passo il famoso staretz, ed ha notato i particolari più pittoreschi e più strani della sua vita così accidentata.

Possediamo anche un altro giornale, quello del prete Eliodoro che fu dapprima fervido amico di Rasputin, e divenne più tardi il più accanito dei suoi nemici.

E finalmente abbiamo ora incartamento completo dell' inchiesta giudiziaria fatta in seguito all'assassinio di Rasputin.

In grazia a questi elementi possiamo tracciare una biografia completa del personaggio o per lo meno darne le nozioni più essenziali.

Ma perché si possa capire la parte rappresentata da Rasputin nella storia di questi ultimi anni, perché si possa capire come questo contadino analfabeta, rozzo, ripugnante, qualificato immondo (la tutti quelli che lo avvicinarono, abbia potuto essere per qualche tempo il vero dittatore della Russia, in luogo dell' imperatore, ci occorre dire brevemente che cosa fosse la Russia e il suo sovrano.

INTRODUZIONE

I.

  • L'avvenimento al trono di Alessandro III. La sua politica
  • La famiglia imperiale a Gatcina
  • L'infanzia di Nicola II
  • I suoi precettori

II.

  • La gioventù di Nicola II
  • Il viaggio nell'Estremo Oriente
  • La morte di Alessandro III

III.

  • I primi anni del regno di Nicola II.
  • Il matrimonio dell'imperatore
  • Nuove influenze

IV.

  • Kodinka
  • La politica interna

V.

  • Il misticismo alla Corte russa
  • Le reliquie di San Serafino
  • Qualche predecessore di Rasputin

VI

  • La guerra russo-giapponese
  • I prodromi della rivoluzione

VII.

  • Gregorio Rasputin

VIII.

  • La "neoklystovcina"
  • L' influenza di Rasputin sulla famiglia imperiale

IX

  • Le pratiche religiose di Rasputin
  • Qualche sua vittima
  • Mitia Koliaba
  • Un rapporto dell'Ocrana

X.

  • Rasputin e Eliodoro

XI.

  • Un ricevimento in casa di Rasputin

XII.

  • Le forze occulte

XIII.

  • La guerra e l'influenza tedesca alla Corte di Russia

XIV.

  • I tradimenti

XV.

  • Gli attentati
  • L'assassinio di Rasputin

XVI

  • Le deposizioni dei testimoni

XVII

  • Le esequie di Rasputin
  • L'incinerazione del cadavere

XVIII

  • La rivoluzione
EditoreDe Angelis David
Data pubblicazioneGennaio 2015
FormatoDownload - eBook in formato elettronico - NO CARTA
FileEPUB (872 kb), MOBI (2151 kb)
ProtezioneWatermark (+ informazioni)
Lo trovi in#eBook - Biografie


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste