Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Ermanno Olmi

Ermanno Olmi

Nato da famiglia contadina, si trasferisce giovanissimo a Milano per impiegarsi presso la Edison Volta: ne organizza il servizio cinematografico dirigendo - tra il 1953 ed il 1961 - una trentina di documentari, tra i quali "La diga sul ghiacciaio" (1953), "Tre fili fino a Milano" (1958), "Un metro è lungo cinque" (1961).

Nel frattempo, debutta nel lungometraggio con "Il tempo si è fermato" (1960), ove si narra dell’amicizia fra uno studente ed un guardiano di diga, nell’isolamento e la solitudine dell’alta montagna; un anno più tardi, il Nostro conquista i favori della critica con "Il posto" (1961), garbata operina sulle aspirazioni di due giovani alle prese con il loro primo impiego. L’attenzione al quotidiano, alle cose minute della vita, viene ribadita nel successivo "I fidanzati" (1963), vicenda d’ambiente operaio viziata da qualche cedimento all’intimismo: è poi la volta di "... e venne un uomo" (1965), biografia di Giovanni XXIII per fortuna non inficiata da tentazioni agiografiche. Dopo un periodo contrassegnato da lavori non del tutto riusciti ("Un certo giorno", 1969; "I recuperanti", 1970; "Durante l’estate", 1971; "La circostanza", 1974), il regista ritrova l’ispirazione dei giorni migliori nella coralità de "L’albero degli zoccoli" (1978), Palma d’oro al Festival di Cannes. E’ dell’82 "Cammina cammina", ove si recupera nel segno dell’allegoria la favola dei Magi; segue una grave malattia, che lo terrà a lungo lontano dagli schermi, ad Asiago.

Il rientro avviene nel 1987, con il claustrofobico ed angoscioso "Lunga vita alla signora!", premiato a Venezia con il Leone d’argento; quello d’oro, egli lo otterrà l’anno seguente con "La leggenda del santo bevitore" (1988), lirico adattamento - firmato da Tullio Kezich e dal regista medesimo - d’un bellissimo racconto di Joseph Roth. Dopo il documentario "Lungo il fiume" (1992), egli licenzia "La leggenda del bosco vecchio" (1993): malamente ricavato da "Il taglio del bosco" di Buzzati ed interpretato da un Villaggio fuori registro, esso rimane forse il suo esito più deludente.

Il suo ultimo lavoro, "Il mestiere delle armi" (2001) ne segna il ritorno ai vertici dell’ispirazione: ricostruendo le ultime giornate dell’esistenza del condottiero mercenario del ‘500 Giovanni delle Bande Nere, egli firma un’opera intensa ed ispirata, presentata con successo al Festival di Cannes.

Di scarso rilievo, di contro, l’episodio da lui licenziato per "Tickets" (2005), firmato assieme ad Abbas Kiarostami e Ken Loach.

 

Prodotti di Ermanno OlmiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Totale: 1

Ordina per:

Terra Madre - DVD

Ermanno Olmi

(2)
€ 18,90 Solo 3 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

DVD - Feltrinelli - Dicembre 2009 - Film per riflettere

Un maestro del cinema mondiale propone il proprio punto di vista sul grande tema del cibo e sulle implicazioni economiche, ecologiche, sociali ad esso correlate. Ermanno Olmi costruisce un documentario, un film d’inchiesta... scheda dettagliata


Totale: 1

Ordina per:

 
 
 
 

MIGLIORA I RISULTATI

EDITORE

AUTORE

FILTRO RECENSIONI

FILTRO DISPONIBILITÀ

FILTRO PREZZO

FILTRO PUBBLICAZIONE

 
 
 
 
 
 

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I VIDEO PIU' VENDUTI

 

SPECIALI